Giovanni delle Piatte: stregone?

Stregoneria, magia e profezie nella val di Fiemme del ‘500, breve storia di Giovanni delle Piatte

 

“Prima di coricare il bambino “segnatelo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Mettete poi nel letto dei pezzetti di legno di aloe benedetto, dell’olivo e delle candele benedette. Le streghe resteranno lontane”
Frase attribuita a Giovanni Delle Piatte

 

Giovanni delle Piatte (de le Piatte) di Anterivo irrompe nella storia nel 1501 quando viene arrestato con l’accusa di essere un ciarlatano, un indovino, un fattucchiere, e, soprattutto, essere uno stregone che probabilmente intratteneva commercio con il demonio.

In questo articolo ti parlerò brevemente della storia dei suoi processi senza la volontà di essere esaustivo o determinarne le motivazioni profonde, ma, con il semplice scopo di raccontarti una storia e iniziare a creare un elenco degli oggetti di stregoni e streghe e farti conoscere quanto ha detto in una confessione.

Giovanni potrebbe essere stato uno dei tanti guaritori e fattucchieri itineranti che si potevano trovare all’epoca in giro per l’Europa. Uno dei motivi per cui è balzato all’onore delle cronache è la presunta predizione dell’esondazione del fiume Avisio del 9 e 10 luglio 1500 che procurò gravi danni alle cose e alle persone. A questo si aggiunga che probabilmente era un gran chiacchierone e megalomane.

È necessario evidenziare come nelle tradizioni popolari sia da sempre attribuita a maghi, streghe, fattucchiere, ecc. la capacità di scatenare terribili tempeste e di “governare” eventi atmosferici ed in alcuni casi la Natura tutta.

L’inondazione del 1500, la predizione di una prossima simile sciagura, e quanto già detto portarono all’arresto di Giovanni delle Piatte, il processo fu veloce e si concluse con la proibizione di praticare le sue arti, considerate dai più oscure; l’allontanamento dalla valle con il divieto di rientrarvi senza l’esplicita autorizzazione delle autorità e la distruzione per mezzo del fuoco del suo corredo da “medico e fattucchiere”.

Quali erano gli oggetti più interessanti del corredo di Giovanni delle Piatte? 1) Cristalli; 2) probabilmente uno specchio; 3) un libro; 4) varie erbe.

Giovanni dopo tre anni torna in valle e viene nuovamente arrestato. Nel secondo processo in cui fu anche usata la tortura confessò dettagliatamente molte cose:

“Raccontò di un viaggio che aveva fatto assieme a un frate al monte della Sibilla, vicino a Norcia, «zoè, come si dize, el monte de Venus, ubi habitat la donna Herodiades, sic dicta», per essere iniziato alla società delle streghe; raccontò di barriere e porte che aveva dovuto superare e varcare per entrare nel monte dove aveva incontrato «el fidel Ekhart», «el Tonhauser», diversi uomini, molte donne e soprattutto la «donna Venus [che] se trasforma tre dì la septimana de la zentura in zoso in uno serpente». Con «quella donna et la soa compangnia» Giovanni era volato al sabba, anche la «Donna del bon zogo va algune volte con le strige in qua et in là, la qual ha nome Herodiades». Le credenze che si intrecciano in questa sorprendente storia vengono da lontano e non si sa come siano confluite nell’universo culturale di Giovanni: dall’incontro tra un mortale e una fata, rispondente a un modello letterario melusiano, alle tradizioni del viaggio al monte della Sibilla, al mito del Venusberg, reso famoso soprattutto dalla leggenda di Tannhäuser, a quello delle cavalcate notturne e della caccia selvaggia. (Dinora Corsi, Diaboliche maledette e disperate, Firenze University Press, Firenze 2013, pp. 86-87).

 

Potrebbe interessarti: La mano di Gloria

Giovanni fa anche i nomi di alcune streghe, tutte puntualmente arrestate confessate e condannate al rogo, anche Giovanni delle Piatte viene condannato a morte, ma la condanna è temporaneamente “sospesa per intercessione di capitanei e nobili della valle”. (Dinora Corsi, op. cit. p.89).

I motivi del ritorno in valle di Giovanni possono essere stati molteplici, come anche il regime del terrore instaurato dal Principe-Vescovo. Non è mia intenzione entrare nelle motivazioni politiche, in questa pagina ho voluto semplicemente raccontare la storia di Giovanni per iniziare a stilare un elenco degli oggetti delle streghe e degli stregoni per poi analizzarli assieme ed uno ad uno; ti ho riportato il racconto del viaggio, fatto ai giudici nel secondo processo, perché possa essere di stimolo per ulteriori ricerche.

       Gioia – Salute – Prosperità

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto, se ami i Simboli, puoi sostenere le mie ricerche su Patreon. Riceverai contenuti in esclusiva riservati agli abbonati e sosterrai le mie ricerche

Sostieni il mio lavoro su Patreon

Photo by Joanna Kosinska on Unsplash

Scrivi un commento