La casa dell’alchimista

Non recensione a: La casa dell’alchimista di Gustav Meyrink, Theoria 2017

La casa dell’alchimista di Gustav Meyrink è un romanzo incompiuto. È ricco di fascino e riferimenti metafisici ed esoterici. Molto interessante è la postfazione di Gianfranco de Turris, un vero e proprio saggio su Meyrink.

Vi riporto il video della non recensione:

e qui di seguito un mini assaggio da la casa dell’alchimista:

<<Lei sbaglia, signor reporter. Che sono, in fondo, le parole, a voler ben guardare? Comunicazioni con la voce, comunicazioni con il suono. Non sono, in un certo senso, parole anche le comunicazioni con il linguaggio dellle dita, il linguaggio dei sordomuti? Ha mai sentito parlare del “malocchio”? Lei non ci crede, naturalmente! Chi non la penserebbe allo stesso modo? Ma ciò non basta ad eleminarlo dal mondo. Io ho la certezza dell’esistenza del “malocchio”, o per meglio dire del suo influsso funesto su un gesto fatto senza cattiva intenzione e del tutto inconsciamente. Esso si basa, dunque, in un certo qual modo, su una parola non udibile. Spesso sono le persone più incredule ad essere affette da “malocchio”, ma sappiamo noi se anche il loro inconscio, la loro anima è ugualmente incredula? È un errore grossolano affermare che l’uomo sia cosciente della propria anima. Al contrario: non c’è nulla di così totalmente estraneo all’uomo “normale” della propria anima. Essere coscienti della propria anima vuol dire essere un semidio… se non… qualcosa di più! E per quel che riguarda la “parola”: non è semplicemente un mezzo di comunicazione per i chiacchieroni, bensì qualcosa di infinitamente più grande e anche… pericoloso! Può creare o distruggere; o perlomeno porne i presupposti… Ora: molto più efficaci della parola parlata sono le parole soltanto pensate, e ancora tre volte più efficaci di queste sono i “gesti” del volto e delle mani. Ma ce ne sono anche di pensati, e cioè gesti raffigurati interiormente o immaginati che costituiscono il vero e proprio filtro magico, poiché sono le “parole” di creazione o di distruzione dell’anima

Ordini di origine antichissima che vogliono darsi delle arie pretendono, o quanto meno sostengono, di saperla lunga su tali “parole” e gesti di grande effetto… Naturalmente si tratta di stupidaggini! Già il fatto che questi “fratelli” debbano far voto di silenzio dimostra che non hanno la più pallida idea di cosa si tratti. Infatti una sapienza magica del genere non può affatto venir comunicata da bocca ad orecchio, e a volerla trasmettere, l’uno dovrebbe saper parlare “animicamente” e l’altro udire “animicamente”. Quanti uomini crede che ci siano oggi sulla Terra a saperlo fare?>> (pp. 25-26).

Ne approfitto per augurare le migliori fortune alla neo rinata casa editrice Thorema!

 

 

Gioia – Salute – Prosperità

Leone-firma-piccola

 

 

Copertina de La casa dell’alchimista

By | 2018-01-09T19:28:38+00:00 20 novembre 2017|Categories: Non recensioni|Tags: , , , , , |